Tamponamento a catena su Via Flaminia. Indagato l’ex calciatore laziale Fiore

0
incidente
www.vignaclarablog.it

La domenica di Pasqua, Stefano Fiore, ex giocatore biancoceleste, avrebbe provocato, secondo le indagini dei pm, un violento tamponamento a catena e causato la morte di un 22enne

Una Pasqua infelice per tutti i coinvolti nel tragico tamponamento a catena avvenuto a Roma, in via Flaminia. Il calciatore Stefano Fiore è l’unico indagato per omicidio colposo di un ragazzo di 22 anni, passeggero di una delle auto coinvolte nell’incidente.

tamponamento
www.corriere.it

DINAMICA DELL’INCIDENTE – La dinamica dell’incidente, ricostruita dal pm Antonio Clemente, vede l’auto di Fiore, con a bordo moglie e figlie, viaggiare a velocità sostenuta. Quando la macchina che lo precede rallenta bruscamente, l’ex bandiera della Lazio non riesce a frenare in tempo e provoca un terribile tamponamento a catena che coinvolge molte vetture. In una delle automobili, viaggiava al posto del passeggero anteriore un 22enne che, il giorno dopo, ha perso la vita, mentre il padre, conducente del veicolo, è rimasto illeso.

I SOCCORSI – È stata chiara fin da subito la gravità della situazione, infatti, i soccorsi non sono tardati ad arrivare. L’ambulanza ha fornito le prime cure, ma per il ragazzo non c’è stato nulla da fare. Nonostante fosse stato trasportato immediatamente in ospedale, durante la notte le sue condizioni sono precipitate. Il giovane è morto il giorno dopo, cioè il lunedì di Pasquetta.

LE INDAGINI – Dalle indagini, Fiore (42 anni) è risultato perfettamente lucido tanto che non è stato imposto il ritiro della patente. Si attendono ora le informazioni circa la velocità con cui viaggiava l’auto del calciatore. Questo dato, secondo gli inquirenti, sarebbe quello decisivo per accertare le accuse mosse a Fiore, al momento l’unico responsabile.