Spelacchio non ce l’ha fatta, l’albero di Natale di piazza Venezia rischia la rimozione

0
spelacchio
rep.repubblica.it

Spelacchio, l’albero di Natale installato in piazza Venezia, fa parlare ormai da giorni soprattutto il popolo della rete. Le condizioni dell’albero sembrano peggiorate e pare che sia già morto, ancor prima dell’inizio ufficiale delle festività

E’ stato soprannominato “Spelacchio” per le sue fronde spoglie e non proprio rigogliose. Il povero albero di Natale, importato dalla Val di Fiemme per una somma di 48mila euro totali, è stato oggetto di forti critiche e battute ironiche da parte dei cittadini romani, degli utenti social e, ora, anche degli altri giornali europei. Secondo molti, quello che Spelacchio purtroppo rappresenta, è l’attuale condizione dell’amministrazione Raggi.

Cosa sta succedendo a Spelacchio

La salute di Spelacchio, dunque, sembra piuttosto malconcia e si pensa ad una rimozione prima di Natale. L’agronoma del Pefc Italia, Eleonora Mariano è intervenuta nelle questione. Non solo l’albero di piazza Venezia, ma tutti gli alberi di grandi dimensioni che addobbano le piazze a Natale sono senza radici, quindi ‘morti’. In generale però, reggono a livello di immagine, fino all’Epifania e oltre. Il problema di quello di piazza Venezia è che sta cedendo troppo velocemente, apparendo spoglio rispetto a quando è partito dalla Val di Fiemme.

Esposto del Codacons

La quesione di Spelacchio è approdata fino alla Corte dei Conti. Il Codacons ha presentato un esposto per indagare sulle spese impiegate per l’abete. Secondo il presidente dell’associazione, Carlo Rienzi, l’albero va rimosso immediatamente. Un albero secco, spelacchiato e morente configura una figuraccia mondiale per Roma, sono state le sue parole.