In scena a Roma una produzione del Teatro Pirandello: “Vestire gli ignudi”

0
Pirandello
Redazione

La commedia, diretta da Gaetano Aronica e prodotta dal Teatro Pirandello di Agrigento, è pronta ad andare in scena in alcuni dei teatri più belli d’Italia. Tappa molto attesa anche a Roma al Teatro Palladium

“Vestire gli ignudi”: uno dei testi più affascinanti e nello stesso tempo straordinariamente attuali del teatro pirandelliano. La stesura è stata effettuata nella primavera del 1922 e il 14 novembre dello stesso anno ebbe luogo la prima a Roma, al teatro Quirino, ad opera della Compagnia Maria Melato e Annibale Betrone. Fra pochi giorni, questa magnifica commedia in tre atti tornerà sul suolo romano, in una delle prime tappe della tournée italiana.

Produzione propria

Il 2017 è stato l’anno in cui si è ricordato il genio Pirandello nel 150° anniversario dalla nascita. In suo onore, la Fondazione Teatro “Luigi Pirandello” di Agrigento, nella veste del presidente Gaetano Aronica, ha lavorato con passione creando la prima produzione nella storia del teatro di Agrigento. L’adattamento e la regia sono dell’instancabile attore Gaetano Aronica, amante di Pirandello, oltre che suo concittadino, ma soprattutto un professionista che si è sempre battuto per l’impegno civile mediante il teatro in primis. Lo spettacolo è interpretato da Andrea Tidona, Gaetano Aronica, Vittoria Faro, Stefano Trizzino, Barbara Capucci e Fabrizio Milano. Ricordiamo che Tidona e Aronica hanno interpretato i giudici Falcone e Borsellino nella serie televisiva “Il capo dei capi”. Le scene e i costumi sono curati da Antonia Petrocelli, disegno luci di Luca Pastore.

Pirandello
Redazione

La trama

Una giovane donna, Ersilia Drei, viene ritrovata in fin di vita in un giardino pubblico. La sua storia, raccontata da un giornalista, sale alla ribalta delle cronache e diventa un caso nazionale. Un giallo rovesciato, dove ad una verità iniziale, se ne sostituisce un’altra, ben più inquietante della prima. Le dichiarazioni della donna però provocano uno scandalo che pare trasformarsi in un intrigo inestricabile. Chi è Ersilia Drei? E chi sono gli altri personaggi di questa vicenda che sembra uscire dalle pagine dei giornali di oggi o da un format televisivo specializzato in fatti di cronaca? “Vestire gli ignudi” è una storia nera che potrebbe essere letta come una seduta psicanalitica. Il flusso di coscienza della protagonista, unito al percorso di formazione e trasformazione, porteranno Ersilia a scoprirsi “donna” in un modo diverso da come si è sempre sentita. Assumerà una nuova consapevolezza di sé e del mondo che la circonda. Soprattutto è la storia di una libertà, di una ribellione ad una società imprigionata nei meccanismi della forma. Ma Ersilia è davvero una vittima o è consapevole del gioco sociale a cui partecipa?

Riflettere sul presente

Si tratta sicuramente di una delle opere teatrali di Pirandello in cui pare che il tempo si sia fermato. Infatti “Vestire gli ignudi” entra nel pieno delle tematiche sulla violenza contro le donne, mostrando una sconvolgente modernità. La prima romana, giorno 15 marzo, sarà dedicata alla memoria dell’avvocato Tina Lagostena Bassi che tanto si occupò dei diritti delle donne. “Vestire gli ignudi” spinge oggi, sotto una nuova veste e attraverso una diversa lettura graffiante ed innovativa, ad una riflessione sul presente.

Pirandello
teatropalladium.uniroma3.it

—>  Trailer Vestire gli ignudi

QUANDO: Appuntamento Giovedì 15 marzo per la prima alle ore 21:00 – Venerdì 16 e Sabato 17 marzo sempre alle ore 21:00 – Domenica 18 marzo ore 18:00.

DOVE: Teatro Palladium – Piazza Bartolomeo Romano 8, Roma

BIGLIETTI: intero € 15 / ridotto € 10 / studenti € 5

PREVENDITE: biglietteria.palladium@uniroma3.it – tel. 327 2463456 (orario 10:00-13:00 / 15:00 – 20:00)
http://www.liveticket.it/TeatroPalladium

Le date della tournée:

  • 9 marzo – Teatro Garibaldi di Modica (RG)
  • 11 marzo – Teatro Impero di Marsala (TP)
  • 15/18 marzo – Teatro Palladium/Argentina di Roma
  • 22/23 marzo – Teatro Comunale di L’Aquila
  • 4 aprile – Teatro dell’Aquila di Fermo
  • 6/15 aprile – Teatro al Massimo di Palermo
  • 20 aprile – Teatro Politeama di Caltagirone (CT)
  • 22 aprile – Teatro Garibaldi di Enna