Roma in Champions, Juve campione d’Italia: Finisce 0 a 0 una partita povera di emozioni

0
Roma
www.calciomercato24.com

Finisce a reti bianche il big match della 37a giornata. I bianconeri conquistano il 7° scudetto e la Roma la certezza della Champions League.

Termina con un pari a reti bianche il big match tra Roma e Juventus. La partita, che chiude l’annata casalinga dei giallorossi, sancisce la fine del campionato consegnando matematicamente lo scudetto ai bianconeri e blindando il posto Champions alla Roma. Ora la squadra di Di Francesco dovrà affrontare il Sassuolo nell’ultima partita di campionato per consolidare anche il terzo posto e concludere la stagione sopra i cugini della Lazio, ancora in lotta per il quarto posto con l’Inter.

Roma

La squadra di Allegri scrive ancora la storia prendendosi il settimo scudetto consecutivo. Un altro record, un’altro trofeo vinto all’Olimpico dopo la Coppa Italia alzata pochi giorni fa ai danni del Milan. La Juventus gestisce bene il match, rischiando solo nel primo tempo dove la Roma domina la partita con diverse occasioni per Dzeko e compagni. Poi nella ripresa si fa vedere anche la Juve, con qualche chance per Bernardeschi e Dybala, a cui viene annullato un gol per netto fuorigioco.

Nel mezzo l’espulsione di Nainggolan per doppia ammonizione che stende Dybala e salterà l’ultima gara. L’inferiorità numerica concede più campo ai bianconeri che provano ad attaccare, ma alla fine la partita finisce con un pari prevedibile. La Juve è campione d’Italia e la Roma saluta i suoi tifosi che hanno riempito lo stadio con l’ingresso di tutte le famiglie dei giocatori, ringraziandoli per il sostegno ricevuto e festeggiando il percorso della Roma di questo campionato, condito da una grande crescita e da una nuova consapevolezza.

UNA PARTITA RICCA DI RASSEGNAZIONE E POVERA DI GOL

Di Francesco, che festeggia le 50 panchine in giallorosso, schiera dal primo minuto Pellegrini al posto del convalescente Strootman. In difesa Juan Jesus sostituisce l’infortunato Manolas, mentre in attacco Under ed El Shaarawy affiancano Dzeko. Allegri invece schiera a sorpresa Bernardeschi e De Sciglio al posto di Douglas Costa e dell’ex Benatia. C’è anche Mandzukic, mentre Khedira si infortuna nel riscaldamento lasciando il posto a Matudi. In attacco la coppia HiguainDybala, sostenuta da un altro ex, Pjanic. La posta in palio è più alta per la Juve che può chiudere il campionato con un pari, mentre la Roma può blindare il terzo posto, nonostante abbia già conquistato la qualificazione in Champions grazie all’ennesimo passo falso dell’Inter di Spalletti che ha regalato il pass matematico ai giallorossi.

Roma

Il primo tempo è di marca giallorossa. Under spinge sulle fasce lasciandosi dietro i difensori bianconeri. Due errori di Pjanic e Matuidi concedono due palle gol a Dzeko e Nainggolan, che però non approfittano e sparano alto. I ritmi si alzano, anche se le due squadre non si fanno troppo male, ma si affrontano comunque a viso aperto. Al 26′ PellegriniUnder tornano ad impensierire Szczesny. Al 35′ il primo squillo bianconero prima con Dybala che sfiora la porta, poi Bernardeschi lascia partire un gran sinistro deviato in corner. L’ultimo brivido del primo tempo lo regala una punizione di Kolarov che regala ai tifosi solo l’effetto ottico del gol.

Roma

SECONDO TEMPO

La ripresa si apre con un bel gol di Dybala, ma che viene prontamente annullato per l’evidente fuorigioco. La Juve sempre più in voga in questa seconda frazione, ma i ritmi comunque sembrano scendere rispetto al primo tempo. Al 65′ poi è ancora Koloarov a mettere i brividi ai tifosi bianconeri con un gran sinistro deviato in extremis da Barzagli. Poco dopo arriva il rosso per Nainggolan che stende Dybala e si becca ingenuamente il secondo giallo. La Roma in dieci uomini arretra e subisce l’attacco della Juve rinvigorita dall’ingresso di Douglas Costa, ma i bianconeri non creano molto e la partita si appresta a finire con un pari che sta bene ad entrambe. La Roma termina un anno fantastico festeggiando sotto la curva con giocatori e famiglie al seguito, la Juventus riscrive ancora la storia con l’ennesimo scudetto.

Roma