Maratona Roma-Ostia 2018, tutti i risultati e le personalità di spicco

0
maratona
olimpopress.it

Ieri 11 marzo si è svolta la 44ª edizione della maratona Roma-Ostia. 11mila atleti provenienti da 73 paesi diversi hanno tentato di tagliare il traguardo per primi. A farcela il campione olimpico statunitense Galen Rupp

La prima “onda” di atleti ha varcato il via alle ore 9.15, a distanza di sei minuti l’una dall’altra si sono susseguiti gli altri gruppi di atleti. Questo perché la Maratona di Roma-Ostia si svolge proprio ad onde, ovvero gruppi di atleti formati in base al tempo impiegato dall’attraversamento della linea di partenza a quella di arrivo. Subito dopo la partenza di tutti gli atleti, ha preso il via la manifestazione non competitiva Euroma2run, con ben 5km da percorrere.

Il percorso

Partenza da Via Cristoforo Colombo, attraversamento del laghetto dell’Eur e poi dritti per Via Europa fino a raggiungere la Chiesa dei Santi Pietro e Paolo; a questo punto gli atleti hanno proseguito per via dei Primati Sportivi, dove è situato il Velodromo Olimpico del 1960. Al termine di Via dei primati, svolta verso Via dell’Oceano Pacifico con proseguimento direzione Colombo. Ed ecco che arriva la prima salita, che termina sulla Pontina; ma la salita temuta dagli atleti è la “Heart Break Hill“: non molto inclinata, ma sicuramente lunga e impegnativa (pendenza 3%).

Giunti al bivio di Acilia la Maratona prosegue in discesa per continuare per circa 6km di pianura. intorno al km 19, gli atleti hanno affrontato l’ultimo tratto di gara in leggera salita per arrivare alla “Rotonda” della Cristoforo Colombo. A questo punto il traguardo è vicino, solo 250 metri del lungomare Lutazio Catulo da percorrere verso Ostia in andata e ritorno.

I partecipanti e i vincitori

Hanno partecipato in tantissimi, come ogni edizione l’affluenza è stata alle stelle rendendo la Maratona romana, ancora una volta, un evento da non perdere. Tra le personalità più importanti ha partecipato il campione olimpico americano Galen Rupp che, rispettando le aspettative di tutti, ha tagliato il traguardo per primo con un tempo di 59 minuti e 47 secondi. Ha dichiarato di essere onorato nel gareggiare nella storica e affascinante Roma.

maratona
corrieredellasera.it

Secondo e terzo posto tutto keniano, rispettivamente varcati da Moses Kemei (1:00:44)e Justus Kangogo (1:01:02). La gara femminile è firmata Etiopia con Hftamenesh Haylu al primo posto del podio con il tempo di 1:09.02 davanti alla connazionale Dera Dida giunta vicinissima in 1:09:21. Terzo posto ancora al Kenia rappresentato da Rebecca Chesir. Onore azzurro a Rosalba Console (nella foto in alto), la prima italiana a tagliare il traguardo al sesto posto, con un tempo di 1 ora, 33 minuti e 44 secondi.