Macerata, spari da un’auto contro i passanti di colore: 6 feriti

0

Fermato in piazza Vittoria, tricolore al collo e saluto romano. Era stato candidato con la Lega. Sette feriti, tutti di colore, uno è grave.

LA SPARATORIA – Colpi d’arma da fuoco sono stati sparati a Macerata poco prima delle 12: sono partiti da un’Alfa Romeo 147 di colore nero, con a bordo una o due persone dalla pelle chiara, che hanno girato per la città prendendo di mira le persone di colore.

L’AUTORE DELLA STRAGE – È il marchigiano Luca Traini, incensurato, 28 anni, testa rasata, uno degli uomini a bordo dell’automobile dalla quale sono stati sparati alcuni colpi a Macerata. All’interno del veicolo è stata ritrovata una pistola Glock.

L’ARRESTO – Il giovane Traini, fermato, è sceso dall’auto con un tricolore legato al collo, ha fatto il saluto romano e urlato <Viva l’Italia> e arreso alle forze dell’ordine.

I FERITI – Sei i feriti segnalati, di cui uno in corso Cairoli e uno nei pressi della stazione, anche in altre zone  sono avvenuti, tutt ora in accertamento ma dove sicuramente non risultano feriti.

I MOTIVI DIETRO L’ ACCADUTO – Il motivo del gesto sarebbe collegato al caso di Pamela Mastropietro , la ragazza di 18 anni che sarebbe stata fatta a pezzi dal nigeriano Innocent Oseghale. «I feriti accertati sono di nazionalità straniera», ha fatto sapere la polizia con un tweet.

Colore

ECCO IL MOMENTO DELL’ARRESTO: