Kalah Combat: il Krav Maga di Idan Abolnik in italia

0
Krav Maga

Lo scorso Weekend si è svolto a Roma il secondo stage internazionale di Krav Maga, con la partecipazione di Idan Abolnik, creatore del Kalah Combat System

Si è concluso domenica a Roma il secondo stage internazionale di Krav Maga, la letale arte marziale dell’esercito israeliano. L’evento è stato organizzato dall’Accademia Antiaggressione di Krav Maga di Roma, con il patrocinio dello CSEN.

Il protagonista principale del weekend è stato Idan Abolnik, ex agente del Golani e fondatore del Kalah Combat System, che ha proposto uno stage di due giorni di difesa personale e combattimento da strada, aperto sia ad appassionati che neofiti di questo efficace metodo di combattimento.

Di origini israeliane, Idan Abolnik viaggia in tutto il mondo per diffondere i principi di una delle più recenti ed efficaci tecniche di combattimento, tali da permettere a chiunque di difendersi in caso di aggressione. “Le persone sono diventate più aggressive, più intelligenti.” – Spiega il maestro – “Il Kalah Combat serve ad aiutare uomini e donne ad aprire gli occhi sulla difesa personale”.

Su questo tema il maestro Carlo Miozzi, istruttore dell’Accademia Antiaggressione, mette in guardia dai ‘furbetti’ che vendono corsi di poche settimane, perché per acquisire le tecniche di difesa del Krav Maga ci vogliono anni di pratica costante, ed esorta il CONI a riconoscere ufficialmente questa disciplina, non come sport ma come vera e propria tecnica di difesa, per evitare di creare danni a istruttori esperti che ne hanno fatto uno stile di vita.

Idan Abolnik continua il suo tour per l’Europa insegnando il suo sistema di combattimento. Parteciperà a diversi eventi e tornerà in italia nel 2019. “L’Italia per me è come una seconda casa, voglio tornare qua solo per far capire alle persone che è dura, è difficile, ma bisogna fare di tutto per sopravvivere. Bisogna avere la libertà di poter camminare liberi per le strade, e se qualcuno vuole privarti di questa libertà, devi avere il diritto e la capacità di difenderti”.