Inquinamento: bocciata la prima domenica ecologica

0

La prima delle quattro domeniche ecologiche si è conclusa con 259 sanzioni emesse e 1.1819 mezzi controllati. Ma la qualità dell’aria non sembra averne risentito. 11 centraline su 13 hanno sforato i limiti di guardia di Pm10. Nonostante un lieve arretramento dei livelli, già nel corso di questa settimana l’allerta torna massima.

ROMA – Il Codacons ha denunciato la “scarsità di pattuglie in strada che rendono inutile la giornata”. Rispetto al gennaio 2016, infatti, il numero delle forze dell’ordine schierate è stato in netto calo. Ma il problema è a monte. Gli ambientalisti chiedono a gran voce di mettersi al lavoro su una nuova strategia per arginare l’inquinamento e lo smog che i romani respirano ogni giorno. “Abbiamo una concentrazione di polveri sottili fuori limite ovunque. I dati del 2015 vedono Roma tra le peggiori città anche per il biossido di azoto. Bloccare il traffico la domenica non serve: occorrono blocchi nei giorni feriali e misure strutturali come le isole pedonali che la Raggi aveva promesso in campagna elettorale“. Queste le parole di Roberto Scacchi, presidente di Legambiente Lazio.

traffico inquinamento

Le cause dell’inquinamento sono numerose e non tutte risalgono alle esalazioni tossiche delle marmitte. Quasi il 50% delle emissioni inquinanti proviene dal riscaldamento domestico e dalle caldaie. Bloccare il traffico la domenica, viene fatto notare dall’Anci (Associazione Nazionale dei Comuni Italiani), non influisce in maniera risolutiva sull’emergenza. Confesercenti e i commercianti, del resto, sono preoccupati del calo degli acquisti di Natale: “Con provvedimenti spot si mettono in ginocchio le piccole e medie imprese“.

Ma la concentrazione di smog non sembra volersi fermare. Situazione ben oltre il limite in Ciociaria, a Frosinone, dove le polveri sottili hanno toccato i 175 microgrammi a metro cubo (il massimo giornaliero non deve superare i 50 microgrammi).

Il blocco delle automobili è rimasto in vigore anche nella giornata di oggi all’interno della Fascia Verde, e proseguirà domani dalle 7.30 alle 20.30.