Il Decreto, in scena lo spettacolo free vax patrocinato dal Municipio XI

0
Il Decreto
Facebook David Gramiccioli

In scena da stasera al Teatro San Raffale “Il Decreto” di David Gramiccioli, lo spettacolo contro la legge Lorenzin. La piece, come riportato dalla locandina, è patrocinata dal Comune di Roma e dal Municipio XI

Il Decreto di David Gramiccioli approda a Roma. Dopo essere andato in scena in tutta Italia, lo spettacolo teatrale andrà in scena questa sera al Teatro San Raffaele, nel Municipio XI. Ma di cosa si tratta? Il Decreto è un’opera contro l’obbligo vaccinale della legge 119 del 31 luglio 2017.

David Gramiccioli
www.colorsradio.net

Lo spettacolo è stato messo in scena dal conduttore radiofonico e drammaturgo David Gramiccioli, da tempo uno dei personaggi di spicco del popolo arancione, movimento che riunisce le associazioni che combattono la libertà di scelta in ambito vaccinale. Dalla locandina si capisce che la piece avrebbe scatenato accese polemiche: due bambini in gabbia, identificati come cavie umane, vittime della legge Lorenzin che impone l’obbligo vaccinale per l’ingresso a scuola. Un debutto che arriva in un fase storica molto importante, a pochi giorni dall’insediamento del governo M5s-Lega e del neo ministro Giulia Grillo, nella quale ripongono molte speranze i genitori no vax.

Il patrocinio: una bufala?

Il Decreto
Facebook David Gramiccioli

Niente di sensazionale, se non fosse però che sulla locandina pubblicata sulla pagina Facebook di David Gramiccioli, tra i loghi delle associazioni free vax Il sentiero di Nicola e RAV-HPV (Reazioni Avverse Vaccini) che sostiene le vittime del vaccino anti-HPV appaiono due patrocini: quello del Municipio XI e del Comune di Roma. Non sarebbe la prima volta che il Comune di Roma concede il patrocinio ad un evento organizzato dai free-vax. Altra ipotesi è che né il Municipio né il comune abbiano concesso effettivamente il patrocinio allo spettacolo. Non una novità per Gramiccioli. Lo scorso luglio un evento organizzato all’Aquila sulla libertà di scelta, non aveva realmente il patrocinio del Comune come riportato sulla locandina.