Giornata dell’Allevatore in piazza San Pietro mercoledì 17 gennaio

0
allevatore
https://s3-eu-west-1.amazonaws.com/

Gli allevatori italiani sono pronti per festeggiare il loro Santo Patrono, Sant’Antonio Abate. Cavalli, cavalieri e vari animali riempiranno Piazza San Pietro per la tradizionale “Giornata dell’Allevatore”

Anche quest’anno, per l’undicesimo anno consecutivo, gli allevatori italiani con le loro famiglie si ritroveranno in Vaticano per celebrare la “Giornata dell’Allevatore”. Nella mattinata di mercoledì 17 gennaio, diversi momenti caratterizzeranno l’XI edizione della festa.

Programma

Tutto avrà inizio con la Santa Messa, celebrata alle ore 10.30 all’interno della Basilica di San Pietro dal Cardinale Angelo Comastri, vicario generale di Sua Santità Papa Francesco e arciprete di San Pietro. Successivamente nel piazzale Pio XII, antistante il colonnato del Bernini, tutti i partecipanti potranno visitare la “stalla sotto al cielo” e seguirà alle ore 12.00 la benedizione di uomini e animali. Prenderanno parte anche i Corpi Militari e le Forze dell’Ordine a cavallo, sfilando lungo via della Conciliazione.

Novità di quest’anno

Tra le particolarità di questa edizione 2018, aderirà alla giornata anche il Reggimento Corazzieri a cavallo dell’Arma dei Carabinieri. Si tratta della famosa Guardia d’Onore del Presidente della Repubblica. Corrisponderà con il 150° anniversario dalla sua fondazione, che ebbe luogo il 7 febbraio del 1868.

Invito a partecipare

Il presidente dell’Associazione Italiana Allevatori (A.I.A.) Roberto Nocentini, unitamente ai componenti del comitato direttivo, al direttore generale Roberto Maddè e ai rappresentanti del Sistema Allevatori di tutta Italia, invita tutti i cittadini e i turisti ad unirsi agli allevatori in questa particolare giornata.

“La nostra festa – dichiara Nocentini in un comunicato stampa AIA – assume in questa edizione un particolare significato essendo stato proclamato il 2018 ‘Anno del cibo italiano’. Siamo perciò orgogliosi di portare in piazza i nostri valori e una seppur piccola rappresentazione, con la ‘stalla sotto il cielo’, del frutto del nostro lavoro quotidiano. Un lavoro costante, spesso silenzioso, svolto con tenacia, passione, attaccamento alla terra e con un ‘saper fare’ che sovente proviene da una lunga tradizione familiare. Col nostro lavoro, ogni giorno, operiamo per garantire il benessere dei nostri animali, per rassicurare il cittadino-consumatore sulla sostenibilità delle scelte operate nelle nostre stalle, per la tutela del territorio e dell’ambiente e per la salvaguardia della ricca biodiversità animale dell’Italia”.