Erdogan a Roma. Ecco come si prepara ad accoglierlo la capitale

0
Erdogan
www.globalist.it

Giochi di potere, dialoghi strategici ed incontri istituzionali. Erdogan oggi è a Roma per incontrare le maggiori forze politiche vaticane. La capitale è così blindata

Figlio di una politica turca che per metà lo disprezza. Simbolo di quel colpo di stato che spaccò in due un intero paese. Scherno di quella fuga disperata che lo fece poi ricapitare nel suo paese, più forte di prima. Oggi è a Roma. E’ il presidente Erdogan; uno degli uomini più discussi di quest’anni, il volto più a nord di un Medio Oriente distrutto, dilaniato dalle politiche aggressive. Giunto in Italia per incontrare le cariche di Stato Vaticano.

L’incontro con il Papa

E’ la prima volta da quasi 60 anni che un Presidente turco non si avvicina alla città del Vaticano. L’incontro con Papa Francesco è uno spiraglio politico alle strategie che lo stesso Erdogan ha messo in campo contro gli stati confinanti a sud. Con Bergoglio si parlerà, quindi, dello status di Gerusalemme, dell’offensiva militare contro i curdi e i nodi della presenza cristiana in Anatolia.

Vedo questa visita – ha detto Erdogan prima di partire per l’Italia – come un’opportunità significativa per attirare l’attenzione sui valori umani comuni, l’amicizia e i messaggi di pace. Discuteremo della Palestina, di Gerusalemme, della Siria, dell’Iraq, della lotta al terrorismo, dei problemi dei rifugiati, degli aiuti umanitari e della lotta contro l’islamofobia e il razzismo culturale, che sono in aumento in Occidente”

I legami con l’Italia

Dopo aver incontrato il Segretario di Stato Vaticano Pietro Parolin, Erdogan sarà ospite della politica italiana. Nel pomeriggio, infatti, incontrerà il premier Paolo Gentiloni e il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Una mossa molto discussa che ha acceso gli animi delle opposizioni e dei cittadini, sensibili alle politiche estremiste turche. Lo stesso Matteo Salvini ha annunciato:

Mi vergogno che l’Italia ospiti il rappresentante di un regime estremista sanguinario, di un Paese islamico nei fatti, dove la religione comanda sulla legge. La Turchia in Ue sarebbe il disastro. Vorrei vedere come voteranno i partiti, compresa Fi, la nostra mozione contro l’ingresso della Turchia in Ue”

Green Zone

Roma resta quindi totalmente bloccata in uno stato di preventiva salvaguardia. Il piano speciale per l’accoglienza del presidente turco è in atto. Qui un’immagine del blocco del traffico che interesserà il centro della capitale.

Erdogan
www.ilmessaggero.it