Papa Francesco affida la comunicazione vaticana ad un laico

0
Francesco
www.cittanuova.it

Scelto da papa Francesco il primo laico a capo di un ufficio vaticano: Paolo Ruffini. Quarant’anni di lavoro nei media e in televisione su Tv2000, Rai3, La7

Papa Francesco ha nominato Prefetto del Dicastero per la Comunicazione Paolo Ruffini, finora direttore della rete televisiva Tv2000 della Conferenza Episcopale Italiana. È la prima volta che un laico sposato diventa capo dicastero in Vaticano. Ricoprirà il ruolo lasciato da monsignor Viganò che ha guidato il Dicastero fin dalla sua fondazione e fino al 21 marzo di questo anno 2018. (Il Papa accettò le sue dimissioni dopo la vicenda della lettera del Papa emerito Benedetto XVI). Paolo Ruffini prende ora il suo posto. Un professionista stimato e apprezzato da colleghi e dipendenti. Riconosciuto come un «grande professionista» e una persona di straordinaria umanità.

Ruffini
www.lastampa.it

Per la prima volta un laico in questo ruolo

Il nuovo Prefetto per la Comunicazione in Vaticano Paolo Ruffini è nato a Palermo il 4 ottobre 1956. Si è laureato in Giurisprudenza presso l’Università di Roma La Sapienza. Giornalista professionista dal 1979. È sposato. Ha lavorato per Il Mattino, Il Messaggero, di cui nel 1996 è diventato vicedirettore, il Giornale Radio Rai, di cui è stato nominato direttore nel novembre 1996, Radio 1, Rai3 (direttore dal 2002 al 2009), La 7 (direttore dal 2011), infine Tv2000 dove ha ricoperto il ruolo di direttore di rete e insieme direttore di Radio InBlu.

Ma cosa è il Dicastero per la Comunicazione?

Il Dicastero vaticano per la Comunicazione è stato istituito da Papa Francesco con la Lettera apostolica del 27 giugno 2015. Il 6 settembre 2016 è stato promulgato lo Statuto, entrato in vigore il 1º ottobre successivo. Inizialmente chiamato “Segreteria“, lo scorso 23 giugno 2018 ha assunto il nome attuale di Dicastero per la comunicazione. Fa parte integrante della Curia romana ed ha il compito di gestire il sistema comunicativo della Santa Sede, integrando «tutte le realtà che, in diversi modi, fino ad oggi, si sono occupate della comunicazione», al fine di «rispondere sempre meglio alle esigenze della missione della Chiesa».

Il Dicastero comprende diversi media della Santa Sede

Radio Vaticana, Centro Televisivo Vaticano, Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali, nonché Sala Stampa della Santa Sede, Servizio Internet Vaticano, Servizio Fotografico e, più di recente, Libreria Editrice Vaticana e Tipografia Vaticana. Ha dato anche vita al portale Vatican News.