“Classica al tramonto” presenta “Romantica Viola”

0
Viola
Redazione

“Classica al tramonto”: martedì 17 luglio con il violista Luca Sanzò e il pianista Maurizio Paciariello, protagonisti del concerto “Romantica Viola”

La IUC (Istituzione Universitaria dei Concerti) nell’ambito di Parterre, l’eclettica manifestazione dove si incontrano musica dal vivo, teatro, cinema e spazi per il relax, ha organizzato la serata “Romantica Viola”. Si terrà in un ampio spazio verde in via Antonino di San Giuliano (zona Farnesina) a Roma.

Il concerto avrà inizio alle 20.30

I biglietti sono acquistabili al prezzo di 7 euro (interi); 5 e 2 euro (ridotti) direttamente in loco la sera del concerto a partire dalle 18.30. Dalle 18.00 si potrà prendere un piacevole aperitivo nel verde. La serata proseguirà con uno spettacolo teatrale a cura di Arte2o Eventi.

La viola è fondamentale in ogni formazione strumentale classica, ma il suo destino è quello di rimanere in secondo piano rispetto al suo più fortunato fratello, il violino

Ma non è sempre stato così. I musicisti romantici furono affascinati dal suo timbro ombroso e malinconico e gli dedicarono alcuni capolavori che sono al centro del concerto del violista Luca Sanzò e del pianista Maurizio Paciariello. Prima però si ascolterà Intermezzo di Nino Rota, il celebre compositore di indimenticabili musiche per tanti film, soprattutto di Fellini ma anche di Zeffirelli, Monicelli, Comencini, De Filippo, Petri, Wertmüller, Vidor e naturalmente del Padrino di Coppola.

Segue il più romantico dei musicisti romantici, Robert Schumann, con Märchenbilder op 113: questi quattro brevi brani sono immagini fiabesche, fantasie romantiche legate alle leggende popolari raccolte e valorizzate da scrittori e poeti tedeschi del tempo.

In conclusione un altro grandissimo musicista del primo romanticismo, Franz Schubert, di cui Sanzò e Paciariello eseguiranno la Sonata in la minore, nota come “Arpeggione” perché originariamente scritta per lo strumento così chiamato. Ebbe una breve fortuna nell’Ottocento e poi scomparve, cosicché viene oggi eseguita con la viola, che è lo strumento attuale più simile all’arpeggione. Questo brano manifesta lo spirito autentico della musica da camera, che non era destinata alla sala da concerto ma era eseguita in ambito familiare tra parenti e amici. Si tratta infatti un brano molto amabile, prevalentemente melodico, con momenti brillanti alternati ad altri leggermente malinconici.

“Classica al tramonto” si concluderà martedì 24 luglio con Pietro Roffi alla fisarmonica e Alessandro Stella al pianoforte. Un concerto interamente dedicato ad Astor Piazzolla, intitolato ¡TuttoTango.

Per ulteriori informazioni:

IUC: tel. 06 3610051/52
www.concertiiuc.it – segreteria@istituzioneuniversitariadeiconcerti.it
Parterre – Farnesina Social Garden: tel. 388 5614282
www.parterrefarnesina.it