Brancaleone: torna il Questa è Roma Fest

0
brancaleone centro sociale festa
http://www.thecarousel.it/location/brancaleone/

Il Brancaleone torna ad ospitare le chitarre punk per il “Questa è Roma Fest 2017”. Fra gli ospiti gli Aut Aut e i Nabat, che presenteranno la loro ultima fatica

Questa sera le chitarre punk tornano a incendiare l’atmosfera del Brancaleone per il Questa è Roma Fest 2017. Dopo la chiusura di alcuni locali, il Brancaleone prosegue la sua attività live. Questa sera ospiterà alcuni dei nomi più influenti della scena punk nazionale e internazionale.

IL PROGRAMMA

A partire dalle 17.00 si alterneranno sul palco del Brancaleone 15 band. Ci saranno formazioni storiche come gli Aut Aut e i Nabat, che presenteranno il loro ultimo disco. Ma ci sarà spazio anche per nomi importanti della scena internazionale, come  gli inglesi Abrasive Wheels. Dai dintorni nostrani invece arriveranno gli abruzzesi Mud e Straight Opposition, oltre agli “agropunk” di Aprilia Gozzilla e le Tre Bambine coi Baffi. Inoltre saranno presenti stand e punti vendita dedicati ai fan. Alla fine dei concerti, seguirà il djset di Tony Carcassa. L’evento si concluderà alle 2.00 di notte.

LE BAND

brancaleone questa è roma fest
www.facebook.it

I Nabat sono una delle band più seminali del panorama punk italiano. Il nome del gruppo, formatosi a Bologna nel 1979, riprende quello della federazione anarchica ucraina. Mai schieratasi apertamente in politica, negli anni la band è diventata la capofila della scena punk Oi! e skinhead nostrana. Fra scioglimenti e riprese, oggi, dopo tre anni dall’ultimo EP e dopo vent’anni dall’ultimo album, i Nabat presenteranno il loro ultimo lavoro. I Gozzilla e le Tre Bambine coi Baffi, invece, vengono da Aprilia e sono in attività dal 1997. L’ultimo album pubblicato, “Finché non creperò”, risale al 2015, mentre è dell’anno appena trascorso il live “Perle ai Porci”.

IL CENTRO SOCIALE

Lo scorso 14 Dicembre la Polizia ha posto i sigilli ad alcuni locali del Brancaleone. A far scattare l’operazione, la presunta morosità del Centro Sociale. Da due anni a questa parte, infatti, i locali appartenenti a Roma Capitale non sono più dati in concessione gratuitamente, ma sotto il pagamento di un canone. La misura, introdotta da Marino, ha creato problemi a molte storiche realtà. Alcuni locali hanno dovuto chiudere i battenti, come il Dal Verme. Altri, come il Brancaleone, si sono visti sequestrare alcuni spazi. Il comitato che anima il Centro Sociale di Via Levanna 11 comunque non si dà per vinto. Infatti il Brancaleone sta proseguendo le proprie attività nei locali ancora utilizzabili. Inoltre, è in corso una battaglia con le autorità per ri-acquisire il possesso degli spazi sequestrati.