Ara Pacis : Tutti in maschera all’Ara com’era

0
ara
turismoroma.it

Venerdì 9 e sabato 10 febbraio ingresso ridotto all’ Ara Pacis per tutti i visitatori che indosseranno un costume carnevalesco

In occasione del Carnevale, il 9 e il 10 febbraio il museo dell’Ara Pacis offre un’incredibile promozione. Tutti i cittadini che indosseranno un costume carnevalesco avranno una riduzione del biglietto per l’ “Ara com’era“. Lo sconto è valido per tutti gli spettacoli dell’ archeoshow, dalle 19 alle 23 (con ultimo accesso alle 22).

L’Ara com’era : un viaggio nel tempo

L’Ara com’era è un progetto che intende valorizzare, tramite realtà virtuale, uno dei più grandi capolavori dell’arte romana. Infatti, grazie alla combinazione di riprese cinematografiche dal vivo, ricostruzioni 3D e computer grafica, i visitatori possono assistere alla prima ricostruzione virtuale di un sacrificio romano. Gli osservatori vengono catapultati indietro nel tempo per rivivere il passato da una posizione privilegiata. Possono, quindi, ammirare il momumento mentre ritrova i suoi colori originali, un processo che crea un forte impatto emozionale.  Inoltre, altra caratteristica del progetto, che rappresenta una novità, riguarda il numero di visitatori che ogni serata può accogliere. Ad ogni spettacolo possono infatti partecipare 400 spettatori, 100 in più rispetto alla precedente programmazione.

Il percorso di visita

Si tratta di un percorso articolato in 9 punti caratterizzati dalla combinazione di riprese cinamatografiche, realtà virtuale e tecnologie immersive. Grazie ai visori samsung gear vs, lo spettatore viene accolto nelle riprese dell’Ara Pacis di oggi per poi ritrovarsi in uno spazio bianco. In quest’ultimo, l’osservatore può ammirare, tramite ricostruzione in 3D, il monumento nella sua colorazione originale. Augusto, guida del percorso, lo conduce alla scoperta del Campo Marzio.  Una delle tappe più importanti della visita vede la possibilità di assistere al rituale di sacrificio realizzato in 3D con la partecipazione di attori veri. Alla fine del percorso, lungo la processione, tra gli augures, i littori e i sacerdoti appare Augusto seguito dalla sua famiglia. L’imperatore viene accompagnato da un corteo. A questo punto è possibile ammirare la ricostruzione di un rito di Stato.

ara
meteoweb.eu