Affittopoli, Tronca svela le cifre dello scandalo

0

Presentata l’indagine su affittopoli, ispezionato il I municipio. La morosità complessiva ammonta a 9,4 milioni di euro

Il Commissario Straordinario di Roma, Francesco Paolo Tronca, ha reso noti i dettagli emersi dal lavoro portato avanti dall’amministrazione comunale sui 574 immobili del centro storico: Indagine Affittopoli. La morosità complessiva ammonta a 9,4 milioni di euro: l’85% degli inquilini non paga l’affitto, appena il 50% dei canoni sono stati recuperati nel corso del 2015. Dal campione sono emersi anche casi paradossali del sistema affittopoli, come canoni mensili di 1,81 euro per una casa a due passi dalla Stazione Termini e poco più di 4 euro per abitare nei pressi di Piazza Mazzini. La situazione appare ancora più critica se si incrociano i dati con i redditi dichiarati; il più delle volte a pagare poco è chi guadagna molto: un’attività localizzata in zona Trastevere pagava 380 euro di affitto a fronte di un volume d’affari superiore a un milione di euro.

Il dossier, presentato lunedì 21 marzo presso la Sala della Promoteca in Campidoglio, è frutto di un sistema di monitoraggio riutilizzabile anche per la mappatura degli altri municipi. L’azione incrociata dell’Anagrafe comunale, dell’Agenzia delle entrate e dei Tribunali di Roma, ha permesso di individuare gli immobili fantasma. L’intera operazione è stata possibile proprio grazie al  Sigepa (Sistema integrato gestione patrimonio), che ha permesso di incrociare le banche dati di tutti gli uffici pubblici coinvolti nella gestione del Patrimonio.

Affittopoli, Tronca svela le cifre dello scandaloLe parole di Tronca, che nel suo intervento ha auspicato la continuazione del progetto da parte della prossima giunta comunale, sono state chiare: «Quello che abbiamo presentato oggi è il nostro percorso, dove non avevamo la visibilità dei dati ce li siamo cercati. Abbiamo scoperto l’acqua calda? Possibile. L’hanno fatto anche in passato? Possibile, però quando si ha in mano l’acqua calda, si prende e si fa pulizia; si lava dalle incrostazioni che appesantiscono e rendono inefficace e inefficiente l’attività amministrativa».

Le speranze del Commissario Straordinario potrebbero non essere deluse se a diventare sindaco saranno Roberto Giachetti o Virginia Raggi; entrambi infatti hanno manifestato apprezzamenti per il lavoro dell’amministrazione e intendono completare la mappatura per l’intera area capitolina.

Per maggiori info: http://www.comune.roma.it/