Roma, la sindaca Raggi visita i giardini di Parco Jonio

0
jonio
ansa.it

Dopo la precedente chiusura per atti vandalici, i giardini della stazione della metro Jonio sono stati curati e abbelliti da splendidi murales

Il parco che si trova sul tetto fermata Jonio è stato rimesso in sesto grazie al grande senso civico dei cittadini e ai volontari del Nucleo per la Sicurezza Ambientale di Roma Nord. L’area era stata chiusa poco dopo la sua inaugurazione a causa di atti vandalici di vario genere. In breve tempo, lo spazio era rimasto abbandonato in una situazione di incuria e degrado, finché l’ NSA insieme alla Protezione Civile hanno provveduto a limitare l’accesso al parco e ad iniziare i lavori per il rinnovo e la bonifica della zona.

jonio
abitarearoma.net

La Raggi, in visita ai giardini, ha dichiarato entusiasta che i risultati ottenuti alla stazione Jonio debbano essere modello per tutta la città. Accompagnata dalla Presidente del Municipio III Capoccioni, è stata accolta con uno spettacolo di parkour tenuto da alcuni ragazzi, il tutto incorniciato dai giardini rinati e dai bellissimi murales sulle pareti della stazione. A realizzare le opere sono stati alcuni tra i più famosi street artist d’Italia: Moby Dick, Noa e Giusy Guerriero.

Il tema delle rappresentazioni è il film di Vittorio De Sica Ladri di biciclette, in omaggio al quartiere di Valmelaina che fa da sfondo al capolavoro del regista neorealista. Le scene iniziali del film, infatti, vennero girate proprio nella strada vicina al giardino, cioè Via Scarpanto. Altro tema toccato dai disegno è stato quello dell’inquinamento marino e della salvaguardia della fauna acquatica in particolare degli squali. A rendere ancor più gradevole e a dare prestigio al Parco Jonio, sono state le azioni dei volontari delle associazioni che si sono dedicate a questo progetto e l’amministrazione che le ha sostenute. Ora, i giardini della metro Jonio sono un posto vivibile e arricchito artisticamente.