Il ladro famoso sul web colpisce ancora una volta a Roma

0
il ladro

Dopo il tentato furto in una villa, questa volta il video lo ritrae mentre prova a rubare un’auto

È il secondo video che lo riprende. Ma questa volta il ladro non è da solo. Dopo il tentato furto all’una e 24 di notte in una villetta a Dragona, l’uomo è stato ripreso dalle telecamere di videosorveglianza solo 20 minuti dopo, mentre tenta di rubare un’auto insieme ad alcuni complici, in via Cremosano, non lontano dall’abitazione della signora che poco prima aveva messo in fuga uno di loro.

Le telecamere hanno ripreso quattro uomini, e uno di loro sembrerebbe proprio il ladro che poco prima aveva scavalcato il muro di cinta di una villa in via Donato Bartolomeo. Ma la proprietaria di casa, accortasi della sua presenza grazie alle telecamere installate nell’abitazione, è riuscita a farlo scappare.

Il filmato, condiviso anch’esso su Facebook nel gruppo dedicato al quartiere, riprende chiaramente i ladri in azione: i quattro uomini si aggirano in modo sospetto intorno a una macchina, poi tre di loro scappano e uno si nasconde dietro l’auto, forse per la presenza di un passante. Dopo pochi secondi l’uomo nascosto si rimette in piedi e fa da palo all’angolo della via. Una volta che la situazione sembra si sia tranquillizzata, l’uomo richiama gli altri tre e tutti insieme si avvicinano nuovamente alla macchina, con mani in tasca e cappuccio della felpa calato in testa. Uno di loro cerca di forzare il cofano e gli altri una maniglia, ma senza risultato. Così scatta l’antifurto dell’auto e la gang, non riuscendo a scardinarlo, decide di fuggire prima che sia troppo tardi, fallendo dunque il piano. Il quartiere oramai videocontrollato di Dragona, continua a seguirli in ogni loro mossa.

La persona che ha condiviso il nuovo video su Facebook ha dichiarato: <<Sono sempre loro, vediamo chi li riconosce>>. La speranza è quella che i criminali vengano arrestati quanto prima dalle Forze dell’Ordine. I residenti del quartiere infatti, quasi tutti dotati di sistemi di videosorveglianza, sono stanchi degli episodi di microcriminalità a Dragona, e tra loro c’è chi pensa siano necessarie le ronde. Per ora il video postato ieri notte su Facebook ha già raggiunto quasi 100 condivisioni.