Intervista a Ferdinando Ciliento, giovane cantautore campano

0
da facebook

Abbiamo intervistato Ferdinando Ciliento, giovane cantautore campano che ci ha presentato il suo primo Ep, intitolato Meccanico e che venerdì farà il suo debutto a Roma, con un live da Inofficina

Classe 1990, nato in Irpinia, Ferdinando dal 2010 vive a Roma, dove studia all’Università di Roma Tre. Dopo essersi esibito in alcuni locali della capitale tra cui il Circolo degli Artisti e il Piper, il giovane cantautore ha deciso di lavorare al suo primo album, che è uscito ad aprile. Dopo un primo concerto di presentazione ad Aquilonia, il suo paese, venerdì debutterà a Roma, da Inofficina a Pietralata.

Com’è nato il progetto dell’album? e perché hai scelto come titolo “Meccanico”?

Ferdinando: Il nome dell’album Meccanico nasce innanzitutto dalla voglia di continuare il mestiere di mio padre sotto un’altra veste, quella artistica, ma anche perché ritengo che il Meccanico possa essere un personaggio importante per questo preciso contesto storico. Tutti i giorni viviamo a contatto con le macchine e spesso non abbiamo la consapevolezza adatta per “guidarle” e finiamo addirittura con il subire ciò che viene chiamato progresso. In questo mondo frammentato tra reale e digitale non dobbiamo dimenticare la nostra vera natura umana. Il meccanico risiede in quella parte di noi che smonta e rimonta le certezze per trovare un’armonia tra i complessi ingranaggi delle nostre vite. La foto che fa da copertina al disco ritrae me da bambino davanti all’officina di mio padre mentre cerco qualcosa in mezzo ai pezzi delle macchine. Ecco, questa foto immortala perfettamente lo spirito con il quale ho lavorato a questo progetto. ferdinando

Quali sono i suoni che hai voluto cercare e chi o cosa ti ha ispirato?

Ferdinando: Non ho voluto pormi limiti di genere e mi sono divertito proprio come un bambino che sperimenta nuovi mondi. Inoltre mi interessava molto riportare il rapporto “uomo-macchina” anche all’interno della composizione così ho deciso di lavorare alle canzoni con una tastiera midi e il computer. Pur non essendo un vero e proprio musicista mi sono prodotto da me le basi sulle quali poi ho scritto e adattato i testi che vanno a comporre questo concept album. Dopo questa prima fase di lavoro ho riarrangiato il tutto insieme ai miei collaboratori musicisti e prodotto definitivamente questo Ep di cinque tracce.

Il primo singolo estratto si chiama “Il motore dei sogni”, ce ne parli?

Ferdinando: “Il motore dei sogni” è un brano a cui tengo molto anche perché è nato in uno dei periodi più difficili della mia vita. Il pezzo vuole essere un grido di speranza tra le macerie di un immaginario decadente ma allo stesso tempo ricco di poesia e bellezza, un po’ come la nostra epoca. In un momento buio rappresenta lo slancio verso la luce e un invito a trovare il proprio motore, quello che accende le nostre esistenze. Il videoclip del brano è stato girato da me e come location ho scelto il parco archeologico di Aquilonia, il mio paese, precedentemente distrutto dal terremoto e devo dire che questa scelta è stata perfetta per tradurre in immagini tutta questa officina che avevo nella testa.

Hai già fatto una serata live ad Aquilonia, per presentare il progetto, come è stato?

Ferdinando: È stato davvero fantastico! Suonare davanti alla propria gente non è mai facile anche perché ognuno ha già un’idea ben precisa di te, ma vedere tutto quell’entusiasmo e curiosità sui visi conosciuti è stata l’emozione più grande. Per restare nei termini del disco: è il motore che ti aiuta ad andare avanti con più convinzione in quello che fai. ferdinando

Dopo la serata a Roma, quali strade prenderai?

Ferdinando: Dopo la data romana, venerdì 19 maggio, da Inofficina, location perfetta per il mio disco, continuerò il tour, chiamato “Macchina e Chitarra” insieme a Giulio Viola, già chitarrista della band di Edicola Fiore che accompagnava gli ospiti durante il programma. Per quanto riguarda il futuro ho già molti pezzi da parte e in questi mesi sto cercando il produttore giusto con il quale lavorare sui suoni del prossimo disco.

Vi ringrazio per l’intervista e vi aspetto ai live!

Di seguito si allega il link all’evento di venerdì da Inofficina e il link al video de “Il motore dei sogni”, primo singolo dell’Ep.