Ultime notizie
Home » Cronaca » Uomo di 49 anni muore ucciso da un cinghiale
uomo
tg24.sky.it

Uomo di 49 anni muore ucciso da un cinghiale

Zona Nord di Roma; un uomo di 49 anni viene speronato da un cinghiale. Trasportato d’urgenza in ospedale, muore per le gravi lesioni alla testa

 Era la mezza notte di ieri quando un uomo in sella al suo scooter si è visto un cinghiale venirgli addosso. Il centauro stava percorrendo via dell’Inviolatella Borghese quando, inaspettatamente, è stato sbattuto in aria dal selvatico animale. Le gravi ferite alla testa riportate dopo la caduta hanno reso vani i soccorsi. Trasportato d’urgenza in ambulanza, l’uomo è deceduto nell’ospedale di villa San Pietro. I romani non ci stanno ed è polemica.

I trascorsi

La nostra redazione aveva già denunciato i fatti del primo marzo, quando sempre un cinghiale attraversava via Baldo degli Ubaldi. In quel caso non ci furono feriti ma la pericolosità fu elevata. Lo stesso animale che ieri ha ucciso una persona, 20 giorni fa avrebbe potuto mietere vittime. Lo sdegno di Roma arriva alle strette. Alcuni residenti della zona Cassia avevano visto nei giorni scorsi alcuni cinghiali riversarsi per strada; ma a quanto pare gli avvistamenti sono risultati inutili. L’amministrazione non ha fatto nulla per contrastare questo problema. Ora si parla di un defunto. Anche se è banale imputare un povero animale selvatico, non lo è però se si evidenzia che ad oggi nella capitale si muore a causa dell’incompetenza ed assoluta estraneità ai fatti di chi la governa.

La denuncia

Coldiretti ha affermato che “l’escalation dei danni, delle aggressioni e degli incidenti è il risultato dell’incontrollata proliferazione degli animali selvatici. Il numero dei cinghiali presenti in Italia ha superato abbondantemente il milione. Così la loro diffusione si estende dalle campagne alle città”. Un incontrollabile declino che Roma non è capace di gestire. Un numero altissimo di animali provenienti dalle montagne o, comunque, da zone semi-disabitate che si riversano nei nostri centri abitati. Non esiste un modus operandi che possa in poco tempo far sparire il problema, ma la soluzione non è neanche il ignorare i fatti. Ad oggi, dopo pregresse segnalazioni da parte dei cittadini, la giunta Raggi non si è mai esposta. Non ha mai realmente evidenziato che ci fosse un problema. Ora la storia diventa grave e il sindaco dovrà chiarimenti alla famiglia della vittima.

I social Impazzano

Dopo il video girato in pieno centro di Roma – qui il link –  sui social stanno impazzando pareri. Uno fra tutti quello della democratica Lorenza Bonaccorsi che scrive su Twitter:

“A Roma si può morire per attraversamento cinghiali: purtroppo è una notizia vera. Giunta Raggi assente: quando inizierà ad occuparsene?”

E ancora più viva è la replica del senatore Stefano Esposito:

“Morire nel 2017 nella Capitale perché si ha la sfortuna di trovare sulla propria strada un cinghiale è una cosa assurda. Ma perché i cinghiali corrono liberi? Non sarà che cercano cibo in cassonetti stracolmi e non puliti in tempi rapidi?”

Aspettiamo quindi reazioni dalla Sindaca Virginia Raggi, nella speranza di non scrivere più di fatti così scioccanti.


GUARDA, ASCOLTA .... SCRIVI !!!
Leggi e Commenta le nostre notizie e rimani aggiornato con un LIKE sulla nostra pagina FB

About Emanuele Battaglia

Emanuele Battaglia
Studente presso la Sapienza di Roma, ho sempre investito la mia vita nello studio accompagnato al lavoro. Le mie passioni più grandi sono la scrittura, la fotografia, la politica, la comunicazione polivalente ed il tempo libero, da passare in lieta compagnia. Il motto del mio lavoro è: "Analizza ogni cosa come se dovessi scattare una foto; inquadra la situazione, metti a fuoco i dettagli e cattura la verità che in quel momento ti si presenta davanti!"

Check Also

L’italianista Serianni va in pensione: l’omaggio degli studenti della Sapienza

Ultima lezione del professore e italianista Luca Serianni Lunedì scorso, il professore Luca Serianni, professore …